Stanza della Giustizia e della Pace

Iustitia et pax osculante sunt.

Giustizia e pace

L’ impianto dei dipinti segue sempre lo stesso schema con la decorazione architettonica che avanza verso il centro del soffitto dove si trova il grande quadro centrale. In questa sala a delicati mazzi di fiori si accompagnano piccoli uccelli in posa o in volo fra cui si individuano un barbagianni, dei colibrì, dei passeri o fringuelli e un’upupa dalla cresta a ventaglio.

La scena centrale vede due putti che reggono un cartiglio su cui è scritto: IUSTITIA ET PAX OSCULANTAE SUNT  La Giustizia e la pace sono baciate o si abbracciano. Sotto due donne si abbracciano. La prima, a sinistra, col viso di profilo è vestita con una tunica di colore avana e con guarnigione dorata sopra una veste bianca ed è avvolta in un mantello azzurro. Nella mano destra solleva uno scettro mentre dirige lo sguardo verso il putto alato che regge una corona e una bilancia. La seconda figura indossa una tunica bianca ed è avvolta in un mantello rosa. Alle sue spalle un altro putto che regge una cornucopia ripiena di fiori e frutti.

Sotto altri due putti: uno reca in mano una spada ed è rivolto verso la prima donna, l’altro un ramo d’ulivo ed è rivolto verso la seconda. Questi attributi ci fanno comprendere come la prima donna rappresenti la Giustizia e la seconda la Pace.