Cappella

La cappella del palazzo è coperta da una volta molto bassa. Il dipinto al centro della volta indicava che la cappella era intitolata alla Santissima Trinità. Il quadro posto sul piccolo altare raffigurava infatti la Trinità con Maria Vergine, San Giuseppe e Santo Alberto. Adesso non rimangono che le decorazioni pittoriche. Le pareti del piccolo ambiente sono trattate con decorazioni ornamentali architettoniche, finte paraste e finte cornici, volute, festoni, cartocci e finti marmi. Dalla sala 5 si poteva seguire la messa attraverso un’apertura nel muro, che in origine consentiva l’accesso diretto alla cappella, adesso sostituita da un finto portale sotto cui è raffigurato un piccolo triangolo equilatero che fa riferimento alla trinità.

Il quadro al centro della volta rappresenta Abramo e i tre angeli che si pensi rappresenti sempre la Trinità. Gli elementi del dipinto sono fedeli al racconto biblico, unico elemento aggiunto è il piccolo putto che sorregge un cartiglio con la scritta “Tres vidit et unum adorarit” (ne vidi tre e adorai uno solo) con riferimento alla Trinità.